EVENTI E BOOKSHOP

Piergiorgio Paterlini presenta il suo BAMBINATE a Castelnuovo Sotto /Re nella Chiesa della Misericordia




Matilde D’Errico incontra gli studenti delle scuole superiori.

Progetto Lettura a cura del Punto Einaudi di Reggio Emilia

maggio 2017

 

 

 

 



Corrado Augias in “Ecce Homo – Anatomia di una condanna”
ECCE HOMO – Anatomia di una condanna
di e con Corrado Augias
Venerdì 17 marzo 2017, ore 21
L’Altro Teatro – Cadelbosco di Sopra (RE)
Ingresso unico: 15 euro
Prevendite online: http://bit.ly/augias_laltroteatro

Musiche originali: Valentino Corvino
Elaborazioni video, luci e regia: Angelo Generali
Produzioni PromoMusic Italia

Sulle ultime ore di Gesù in genere si sa poco. Ancora meno si conosce della situazione politica e militare della Palestina in quegli anni. Eppure si tratta di elementi fondamentali per meglio capire la tragica sorte di quel Giusto. Perché Gesù venne arrestato? Quali le accuse? Che cosa spinse il procuratore romano ad emettere una sentenza capitale? I vangeli (canonici e non) danno una spiegazione esauriente – e concorde – degli avvenimenti? O no? Perché si parla così poco di Maria, nulla si dice di Giuseppe? Chi era davvero Giuda? Perché tradì?
Se ci si cominciano a porre queste domande si vede subito che di una vicenda raccontata cento volte si sa in generale pochissimo; i lati oscuri e le domande inevase prevalgono nettamente sui fatti noti.
Lo spettacolo si avvale di immagini accompagnate da un dolente accompagnamento musicale per stimolare lo spettatore alla scoperta di un Gesù non “vittima di un gioco di potere” bensì pronto a mettere in gioco per le sue idee la sua stessa vita.

La scoperta, per certi versi stupefacente, è che un Gesù legato alla terra e al tempo, sostenitore di un messaggio rivoluzionario, rifulge di una luce più intensa del consueto, facendosi ancora più affascinante e commovente.

PREVENDITE
• presso Arci Reggio Emilia
viale Ramazzini 72 – Reggio Emilia
Orario 10-13 / 15.30-17 (t. 0522 392137)
• presso L’Altro Teatro nei giorni di apertura
• presso Osteria La Rosa d’oro Dal Testoun
piazza XXV Aprile, 5 – Cadelbosco di Sopra (RE)
Orari apertura ristorante (t. 320 0967013)

PREVENDITE ONLINE
http://bit.ly/augias_laltroteatro

INFO
info@laltroteatro.com
338 3740053 – 0522 392137 (Arci Reggio Emilia)
bookshop a cura del Punto Einaudi di Reggio Emilia

REGGIO EMILIA: UNA CITTÀ NEL MONDO – INCONTRO CON TAHAR BEN JELLOUN

Quando: 21 febbraio 2017
Ore 21.00
Dove: Centro Internazionale Loris Malaguzzi
viale Ramazzini 72/a, Reggio Emilia

Reggio Emilia: una città nel mondo. Incontro con Tahar Ben Jelloun.

Tramandare, partecipare, costruire

Siamo sempre lo straniero di qualcun altro. Imparare a vivere insieme è lottare contro il razzismo (Tahar Ben Jelloun).

Tahar Ben Jelloun, poeta, romanziere e giornalista. Ha ricevuto da Kofi Annan, segretario delle Nazioni Unite, il Global Tolerance Award per il profondo messaggio del libro Il razzismo spiegato a mia figlia. Il suo ultimo libro in italiano è ‘Il matrimonio di piacere’ (La nave di Teseo).
L’incontro sarà tradotto in tre lingue: italiano, inglese e francese.

DICEMBRE 2016

presentazione della collezione di tessili per la casa  55mqconvigna e Fabio Iemmi

http://www.fabioiemmi.it/

https://www.facebook.com/55mqConVigna/

VENERDI’ 25 NOVEMBRE

incontro con Antonio Catronuovo autore del libro “Ossa, cervelli, mummie e capelli”

Edizioni Quodlibet

images-2

cover__id1102_w302_t1465131724

http://www.quodlibet.it/libro/9788874628094

REGGIOFILMFESTIVAL
dal 3 al 14 novembre
Bookshop a cura del Punto Einaudi
http://www.reggiofilmfestival.com/

BOOKSHOP e FIRMACOPIE

SABATO 15 OTTOBRE

“Le Carte” di Alessandro Scapinelli esposte alla Libreria Punto Einaudi a Reggio Emilia.

 

Incontro con l’artista sabato15 ottobre 2016 ore 17:30.

La Libreria Punto Einaudi di Reggio Emilia, appena riaperta dopo 5 anni di assenza, tenendo fede alla mission di dare visibilità agli artisti del territorio“, ospita nei suoi locali, Alessandro Scapinelli, artista architetto di Reggio Emilia nato e vissuto in Brasile, fino all’ età di 20 anni. Le Carte”, per la prima volta esposte in città, sono tra le più significative opere su carta realizzate tra il 2009 e il 2010. Tra i lavori in mostra segnaliamo “Il Paese di Jabuticaba” , un lavoro di grandi dimensioni che è stato esposto a Milano nella Seconda Collettiva Innaturalista nel 2010 e “Flores da Vecchia” esposto alla mostra “Eros e Psiche” a Pianzo di Biella. Due sue opere sono state scelte per la copertina del giornale Zeroassoluto e una come immagine del biglietto della “Lotteria Italia” In occasione della presentazione del 15 ottobre,ci sarà la possibilità anche di conoscere e sfogliare il suo cospicuo archivio delle carte ancora inedite al pubblico reggiano. In occasione della presentazione, l’ architetto artista consegnerà ai partecipanti il suo “MANIFESTO INDIVIDUALISTA EFFIMERO, già di per sé un’ opera contemporanea.

http://scapinelli.weebly.com/

14462912_1438702526147140_6768176282352769766_n 14517467_1434646546552738_3688586084225444072_n

VENERDI’ 4 NOVEMBRE

ORE 17,30

BIBLIOTECA PANIZZI

SALA DEL PLANISFERO:
14713639_571021413082526_2069387716944590201_n

 

presentazione-orlando-furioso

 

presentazione-orlando-furioso978880618597gra

ORLANDO FURIOSO E INNAMORATO

 

In occasione dell’uscita dell’ Orlando Furioso “Editio princeps” appena pubblicata da Einaudi nella versione originale, venerdì 4 novembre in Biblioteca Panizzi si combatterà un duello molto cavalleresco tra Boiardo e Ariosto a suon di canti

dell’ Orlando Innamorato e dell’Orlando Furioso.

 

E’ un appuntamento da non perdere quello che si terrà venerdì 4 novembre alle 17.30 nella Sala del Planisfero della Biblioteca Panizzi.

In occasione dei cinquecento anni dalla pubblicazione della prima edizione dell’Orlando furioso, la Biblioteca ospita la presentazione della Editio princeps dell’Orlando nella versione originale del 1516, in uscita per Einaudi nella Nuova raccolta di classici italiani annotati a cura di Marco Praloran e Tina Matarrese.

L’incontro è a cura del Punto Einaudi di Reggio Emilia.

 

La Biblioteca Panizzi ospiterà la presentazione di questa prestigiosa opera in un incontro singolare: Tina Matarrese (curatrice dell’edizione) e Gino Ruozzi (Centro Studi Boiardo), moderati dall’editor Einaudi Mauro Bersani, si combatteranno in un duello molto cavalleresco in cui L’Orlando di Ariosto verrà messo a confronto con L’Orlando innamorato di Boiardo (che ha preceduto ed ispirato il poema ariostesco) a colpi di endecasillabi.

L’incontro sarà anche l’occasione per ascoltare il suono della lingua che si parlava nelle corti padane nel 1516 dalla voce dell’attrice Flavia De Lucis che leggerà alcuni brani dal vivo. Animeranno l’incontro i simpatici gadget ispirati all’Orlando Innamorato realizzati dalla Proloco di Scandiano in occasione del Festival Love del maggio 2016.

 

LA PRIMA EDIZIONE DEL 1516

Il 22 aprile 1516 usciva a Ferrara, presso l’editore Giovanni Mazocco, la prima edizione dell’Orlando furioso. Ariosto coronava così il lavoro di una dozzina d’anni, ma le cose non sarebbero finite lì. Per il poeta iniziò subito un periodo di revisione del suo capolavoro che avrebbe portato all’edizione intermedia del 1521 e a quella definitiva del 1532. Questo lavoro di riscrittura avrebbe indotto l’autore ad ampliare il poema portandolo da quaranta a quarantasei canti, a ristrutturare l’intreccio dei vari episodi, e soprattutto a cambiare profondamente la lingua adeguandola ai dettami ispirati alle Prose della volgar lingua di Pietro Bembo, che nel frattempo si stavano imponendo fra i letterati italiani di ogni regione. Dunque il Furioso che tutti leggono normalmente è scritto nel toscano letterario esemplato sui grandi trecentisti, quell’italiano che ha costituito la lingua letteraria dominante fino ai primi del Novecento.

Il primo Furioso, invece, assemblava liberamente il toscano con molti latinismi, con il lessico del volgare padano, con svariati termini dell’espressività popolare. Una lingua imperfetta ma molto creativa, quasi inventata ottava dopo ottava. L’edizione qui proposta offre il testo del Furioso originario con un ampio commento sugli elementi caratteristici di questa lingua, sottolineando tutti i passaggi più rilevanti che avverranno nell’edizione definitiva.

 

PERCHE’ RILEGGERE LA PRIMA EDIZIONE

Come ha osservato Cesare Segre, “Si può e si deve ritornare alla prima redazione per cogliere nel suo momento di freschezza vitale l’invenzione ariostesca. Percorrere questo secondo tracciato retrogrado (meno battuto dai critici) significa lasciare indietro le aggiunte celebrative e gli aggiustamenti diplomatici, uscire dall’incanto dell’armonia e recuperare le articolazioni fantastiche nel loro nativo movimento, riportarsi nell’orizzonte più raccolto e familiare della prima esperienza ariostesca. D’accordo sulla bellezza di molte aggiunte del 1532, sulla perfezione dei ritocchi di stile e di struttura; ma nel primo Furioso c’è una libertà, una gioia di esprimersi, una felicità che il totale impegno formale forse sacrificò in parte.”

 

Per l’occasione, la Biblioteca Panizzi esporrà alcune edizioni dell’Ariosto e del Boiardo, insieme a carteggi e documenti delle collezioni della Sezione di Conservazione e Storia Locale.

 

L’ingresso è libero.

L’intero programma di iniziative del planisfero è consultabile sul sito www.bibtliotecapanizzi.it

 

La rassegna degli appuntamenti in  Planisfero è possibile grazie al sostegno degli “Amici della Biblioteca”.

 

 

13082558_497759047075430_6490948647890979689_n13445419_518491378335530_7914900867302455343_n
14713639_571021413082526_2069387716944590201_n

MERCOLEDI’ ROSA

dal 15 giugno al 22 luglio

Da mercoledì 22 giugno:

BRAVO BURRO

LETTURA PUBBLICA AL PUNTO EINAUDI.
Adulti e bambini venite a leggere la storia, allegra e toccante, di un bambino e del suo asinello coraggioso.
Leggeremo “Bravo Burro” di John Fante in compagnia degli asini di Massimo Montanari e di seguito, dalle ore 21 potrete coccolare gli asini, farvi il selfie con loro e rititrare il vostro “diplomasino”

13082558_497759047075430_6490948647890979689_n

2016
Super ET
pp. 128
€ 12,00
ISBN 9788806230852

Contributi di Rudolph Borchert
Illustrazioni di Marilyn Hirsh
Traduzione di Francesco Durante

«E’ un libro per ragazzi. Ma nel modo più schietto e genuino conserva il tocco delizioso e inconfondibile di John Fante, quel misto di travolgente vitalità e di note patetiche che ne è così caratteristico».
Francesco Durante

La storia, allegra e toccante, di un bambino e del suo asinello coraggioso. E di una formidabile alleanza che permetterà di ricondurre al suo recinto un meraviglioso toro da combattimento e redimere un padre alla deriva. Ambientata in un Messico da favola, bonario e festevole, trafelato e pittoresco e, in fondo, anche un po’ «italiano», in origine avrebbe dovuto servire da base per un episodio di It’s All True, il grande progetto cinematografico interrotto di Orson Welles, e fu scritta da Fante in collaborazione con lo sceneggiatore Rudolph Borchert e arricchita dalle bellissime illustrazioni di Marilyn Hirsh. Centrato, come la saga di Bandini, sul difficile rapporto tra padre e figlio, Bravo, burro! è un capolavoro nel suo genere, pieno di umorismo e commovente umanità.

BOOKSHOP CELATI al Cinema Rosebud e alla Biblioteca Panizzi

 

MAGGIO 2015 FOTOGRAFIA EUROPEA

Il Punto Einaudi ospita OFFICINA EDUCATIVA