ALTRE EDIZIONI

 

images (1)images (1)downloadimages

 

ELECTA ARCHEOLOGIA E CIVILTA’:

I rapporti sempre più intensi con le istituzioni di tutela del patrimonio archeologico – quali la SAR Soprintendenza Archeologica di Roma o la Soprintendenza Archeologica di Pompei– e il crescente numero di mostre e iniziative dedicate alle civiltà antiche in cui Electa è coinvolta rendono sempre più cospicuo il numero delle pubblicazioni di argomento archeologico.
D’altra parte, proprio l’archeologia è il campo della cultura figurativa che ha maggiore necessità di pubblicazioni documentate, accessibili, interessanti ma anche di ineccepibile informazione.
I libri Electa si propongono di presentare i siti, i monumenti, i fenomeni, l’arte e le civiltà dei millenni, con rigore ma senza trascurare l’effetto grafico, restituendo il fascino dell’antico senza interpretazioni romantiche. Lo sforzo scientifico ed editoriale di Electa si traduce in un’articolata produzione di volumi, distribuiti in collane ben riconoscibili che vanno dalle introduzioni al settore, alle vaste ricognizioni, fino ad approfondimenti sottili e di grande spessore scientifico su singoli aspetti monumentali, artistici e culturali.
In ambito divulgativo sono nate le nuove collane i “Dizionari delle Civiltà” e i “Dizionari delle Religioni” ,caratterizzati da una ricca iconografia , testi di sintesi e prezzo accessibile a un’ampia fascia di lettori

 

ELECTA ARTE: 

Con un impressionante patrimonio di testi critici, riflessioni, catalogazioni e immagini – spesso frutto di campagne fotografiche promosse ad hoc – Electa è da anni una presenza attiva nel mondo della storia dell’arte, collocandosi ben al di là delle normali attività di una casa editrice. Negli anni,Electa ha avviato imprese che sono punti di riferimento nella cultura artistica.

La monumentale opera della Pittura in Italia ha affrontato con sistematicità l’immenso panorama italiano, dall’età altomedievale fino al XX secolo, applicando il criterio della divisione regionale. Il risultato è un modello di lettura del tutto nuovo che contestualizza artisti, fenomeni pittorici e rispondenze stilistiche. La serie dedicata alla Pittura in Europa coinvolge decine di studiosi internazionali ed esplora il vasto territorio artistico europeo con un repertorio di immagini che non ha eguali.

Negli ultimi anni la casa editrice si è imposta anche nell’ambito saggistico con collane di saggi in nero particolarmente indirizzati al mondo universitario e con l’innovativa serie di saggi brevi Pesci Rossi. Nell’ambito della divulgazione artistica si sono imposte in anni recenti la serie Capolavori dell’arte, con brevi testi di commento e con un prezzo decisamente contenuto, e l’innovativa serie I Dizionari dell’Arte, piccoli manuali che guidano l’appassionato d’arte nella lettura e nella comprensione delle opere: fin da subito un grande successo di libreria.Il format editoriale è stato successivamente esteso anche ad altre collane, quali i Secoli dell’arte.Questi nuovi prodotti editoriali hanno attirato nuove fasce di pubblico, raggiungendo tirature eccezionali e una vasta diffusione all’estero, grazie alle numerose coedizioni internazionali.
Recente nuovo interesse si evidenzia per le Arti decorative, attraverso collane come I Grandi Repertoriche sono curati da alcuni dei massimi specialisti del settore – come Alvar Gonzales Palacios o Enrico Colle- e che raccolgono, con approccio schedatorio, gli exempla più significativi dei vari ambiti.
Nel settore dell’arte contemporanea, al quale Electa dedica sempre più attenzione, è nataSupercontemporanea, la nuova collana dedicata ai protagonisti emergenti o affermati della scena artistica internazionale: libri agili e molto illustrati che introducono il pubblico non specialista alla scoperta dei nuovi linguaggi dell’arte.

ELECTA ARCHITETTURA:

Da anni Electa ha stretto un rapporto attivo con i professionisti dell’architettura: un contatto che non è esclusivamente legato ai libri, ma che si fa diretto, “sul campo”, attraverso l’organizzazione di incontri e dibattiti internazionali e attraverso il raccordo con varie istituzioni culturali. Le pubblicazioni sono impostate come strumenti di studio e di lavoro, mediante la rigorosa selezione dei titoli e dei materiali e l’applicazione sistematica di criteri editoriali consolidati: la presentazione oggettiva e documentata delle opere affiancata da saggi storico-critici, affidati ai massimi specialisti.

Da tempo, le collane di architettura seguono linee ben tracciate: nelle monografie sui grandi architetti classici e moderni, nelle vaste ricognizioni storiche (Storia universale dell’architettura, Storia dell’architettura italiana,) neiDocumenti di architettura e nella collana di saggistica A&A – Architettura e Architetti classici fino ai periodici specializzati (Casabella, Interni), la struttura editoriale e l’articolazione dei contenuti si confermano di piena affidabilità culturale, di grande respiro iconografico e di efficace trasferibilità nella pratica professionale, senza dimenticare la particolare cura grafica che ha fatto scuola.

Si è venuto così a formare nei libri di architettura Electa uno “stile” ben riconoscibile: un vero modello internazionale, ripreso in numerose coedizioni o anche semplicemente riproposto da editori italiani e stranieri sia per quanto riguarda i singoli volumi sia per l’articolazione delle collane.La direzione scientifica del settore architettura è affidata a Francesco Dal Co: al continuo incremento di titoli e progetti nel solco della tradizione si affiancano proposte nuove, personali, destinate anche a suscitare dibattiti e confronti. L’apertura degli argomenti ha un orizzonte mondiale, con tematiche e sollecitazioni provenienti da ogni paese, affidate a studiosi internazionali. La solidità dell’esperienza e la vitalità delle nuove proposte contribuiscono ad ampliare considerevolmente il pubblico dei libri di architettura Electa: in particolare le collane, di respiro storico più ampio, sono rivolte anche a lettori non specializzati, grazie alla coinvolgente ricchezza della documentazione fotografica e alla fluente leggibilità dei testi.Anche la divisione Architettura si è recentemente aperta a nuove esplorazioni editoriali rivolte a un pubblico più ampio, con le collane Ad esempio.Da pochi anni, inoltre, è stata creata la collanaElecta Architettura Paperback che propone in brossura e a prezzi più accessibili i titoli di maggior interesse e successo delle collane Architettura e architetti classici e Architetti moderni.Tra i prodotti di nicchia che fanno capo all’area architettura sono di grande interesse i Facsimile, vale a dire titoli storici e particolarmente significativi che vengono riproposti esattamente nella loro veste originale, come iQuaderni Azzurri di Aldo Rossi e il Poeme de l’Angle Droit di Le Corbusier

MODA E DESIGN:

L’universo Design, da sempre dinamico, sperimentatore e innovativo, ha conosciuto negli ultimi anni uno sviluppo costante che si è orientato su più fronti, spaziando dai prodotti veri e propri ai protagonisti e attirando su di sé l’attenzione di specialisti, addetti ai lavori e semplici appassionati.

Electa asseconda e approfondisce tale tendenza con una serie di pubblicazioni di settore che vanno da quelle con taglio più specialistico -con le collane Design eDesign&Grafica, orientate alla contemporaneità e dedicate agli oggetti e ai manufatti di design come alla storia e ai protagonisti più significativi- a quelle più divulgative come Design contemporaneo, I 50 luoghi impedibili del design, Landscape Design, e le monografie dedicate alle grandi realtà aziendali del design – come Frau, Zanotta o Azimuth.

Le pubblicazioni Electa esplorano anche il patinato e creativo settore moda attraverso monografie dedicate ai grandi nomi e alle icone di stile, come Bulgari e Gucci, o affascinanti ricognizioni sul mondo dell’eleganza e del costume, come in Gioielli di Casa Savoia

FOTOGRAFIA:

L’universo della fotografia, arte-guida del Novecento che ha riassunto in modo straordinario le emozioni, gli eventi e lo spirito di un secolo, è oggetto di interesse costante da parte di Electa: reportage, ritratti, paesaggi, foto artistiche e monografie sui maestri compongono un mosaico di grande fascino e suggestione che spazia dai grandi classici agli approcci più innvoativi.

Di particolare interesse in questo ambito è la collana nata dalla collaborazione tra Electa e la galleria Belvedere fotografia, dedicata alla promozione della cultura fotografica del Novecento attraverso protagonisti quali Fulvio Reuter, Carla Cerati, Maurizio Galimberti, Franco Vaccari

MUSICA, CINEMA, SPETTACOLO:

Musica, cinema, spettacolo: tre campi che si intrecciano profondamente e in combinazioni e scambi continui, dato che rappresentano un ambito di sviluppo caratteristico della creatività contemporanea.

Electa, da tempo testimone autorevole della storia e dell’attualità della produzione estetica, è presente in modo significativo in tali settori, con pubblicazioni specializzate che raccontano le vicende e tracciano affascinanti profili di musicisti, artisti, icone dello stile contemporaneo e grandi protagonisti che hanno segnato momenti chiave della cultura e dello spettacolo.

Di grande suggestione sono i volumi dedicati al mondo del cinema e dello spettacolo, monografie che consegnano alla storia compositori, scenografi, registi, direttori d’orchestra, divi e stelle della lirica, vere e proprie icone come i premi Oscar Ennio Morricone, Dante Ferretti e Vittorio Storaro, Luchino Visconti o stelle della lirica come Renata Tebaldi.

 

 

I MERIDIANI MONDADORI:

L’ aspetto esteriore, curato ed elegante si coniuga con l’ estrema correttezza e affidabilità dei testi unito al valore dell’ apparato critico e della traduzione, oltre a introduzioni critiche, cronologie, note e bibliografie. Ai classici antichi e moderni si affiancano i maggiori autori del novecento.

A partire dalla sua nascita il tradizionale catalogo dei Meridiani si è arricchito fino a diventare una collana che ormai supera ampiamente i 350 volumi, e al cui interno è possibile trovare il meglio della letteratura nella migliore curatela e traduzione.

Fondata nel 1974, la collana «Scrittori Greci e Latini» edita da Mondadori e dalla Fondazione Lorenzo Valla conta a oggi oltre 150 titoli: testi poetici e storici, filosofi ci e religiosi, teatrali e scientifici, narrazioni e viaggi coprono un arco temporale che si estende dall’antichità classica greca, latina e cristiana fino all’epoca bizantina e al tardo Medioevo.

A partire da gennaio 2015 questo marchio conosciutissimo e molto apprezzato, sinonimo di qualità e punto di riferimento per gli studi classici in Italia e all’estero, viene proposto anche in edizione economica. Un’operazione analoga a quella compiuta nel 2014 con la nascita dei Meridiani paperback, con i quali i paperback della Fondazione Valla hanno in comune formato e impostazione grafica.

Una ghiotta occasione destinata non solo allo studio e alla consultazione di studenti universitari e professori, ma anche alla lettura di chi – mosso da curiosità o da uno slancio dell’intelligenza e della fantasia – desideri avvicinarsi ai tesori della letteratura di tutti i tempi.

 

FONDAZIONE VALLA:

    L’autorevole collana degli «scrittori greci e latini» affida i singoli volumi ad esperti filologi e storici, sempre con testo originale a fronte, comprende opere dell’antichità classica e medioevale e antologie a tema

Fondata nel 1974, la collana «Scrittori Greci e Latini» edita da Mondadori e dalla Fondazione Lorenzo Valla conta a oggi oltre 150 titoli: testi poetici e storici, filosofi ci e religiosi, teatrali e scientifici, narrazioni e viaggi coprono un arco temporale che si estende dall’antichità classica greca, latina e cristiana fino all’epoca bizantina e al tardo Medioevo.

Bernini scultore. Il difficile dialogo con la modernità

ISBN: 9788891816504

prezzo: € 30,00

a cura di: Lucia Simonato

data pubblicazione: 30/04/2018

Bernini corruttore delle arti, Bernini smorfioso, Bernini pittorico e tirannico, Bernini arcinaturalista o, tutto il suo contrario, Bernini ammanierato. Bernini dell’Apollo e Dafne e Bernini del David. E infine Bernini barocco. Completamente inedita, questa avventura critica nella fortuna letteraria e visiva berniniana tra Otto e Novecento apre uno scenario in cui i protagonisti non sono solo figure di primo piano della storia dell’arte quali Burckhardt e Wölfflin, Adolfo Venturi e Longhi, ma anche scrittori come d’Annunzio e soprattutto artisti, da Vincenzo Vela a Boccioni, da Carpeaux a Sargent.
Condotto proponendo ricchi confronti visivi, lo studio lascia emergere l’immagine fortemente chiaroscurata che la modernità ha associato a Bernini scultore, rendendolo di fatto un’importante cartina al tornasole per definire sé stessa, nella prassi artistica e nella teoria.
Articolato in tre capitoli, il volume affronta nel primo le origini settecentesche di alcuni giudizi che si consolidarono nell’Ottocento e spesso agirono in modo innovativo anche sul lessico della critica, oltre che nell’elaborazione di nuovi approcci teorici alla scultura. Nel secondo capitolo centrale è tema del ‘naturalismo’ berniniano, nella sua duplice anima sacra e profana, tra Kunstwissenschaft tedesca e tradizione scultorea francese. Il terzo è dedicato a Roma capitale, dallo scorcio del XIX secolo fino all’avvento del Fascismo: gli sforzi per identificare in Bernini un nuovo eroe dell’Italia unita, il suo rapporto con la città, la curiosità degli artisti moderni.
Scritto non senza ironia nel rilevare le vivaci contraddizioni della storiografia, i cortocircuiti della retorica e le oscillazioni del gusto, il saggio si offre anche come un punto di osservazione, propositivo e privilegiato, per tornare a riflettere sul grande artista e sulla complessità storica della sua definizione critica.

Luigi Ghirri. Il paesaggio dell’architettura

data pubblicazione: 12/06/2018

prezzo: € 30,00

ISBN: 9788891819888

a cura di: Michele Nastasi

Ghirri ha portato all’architettura un modo più libero di concepire la realtà, basato non più su una riduzione e un’esclusione degli infiniti soggetti del mondo, ma sulla loro inclusione in un’immagine attuale, una lettura del paesaggio in cui l’architettura, nelle sue diverse forme e nei suoi diversi tempi, è ricollocata nel presente.

Electa pubblica il catalogo della mostra Luigi Ghirri. Il paesaggio dell’architettura, a cura di Michele Nastasi, ospitata negli spazi della Triennale di Milano (25 maggio – 26 agosto 2018).
Nata dalla collaborazione tra il Museo di Fotografia Contemporanea e la Triennale, l’esposizione mette in luce l’importanza dell’opera di Luigi Ghirri nell’ambito dell’architettura, attraverso la sua decennale collaborazione – tra il 1983 e il 1992 – con la rivista “Lotus International”.
Oltre 350 fotografie tra stampe originali e immagini proiettate – molte delle quali inedite -, insieme a una selezione di pubblicazioni, di testi e di altri materiali, restituiscono visibilità al lavoro svolto sull’architettura, che appare come una delle esperienze più intense della sua maturità, in cui il paesaggio occupa uno spazio tanto preminente da motivare una rilettura della sua intera opera.
Con i testi di David Campany, Elio Grazioli, Angelo Maggi, Michele Nastasi, Pierluigi Nicolin.

Vatican / Chapels

Francesco Dal CoGianfranco RavasiElisabetta MolteniMarco Mulazzani

data pubblicazione: 12/06/2018

prezzo: € 30,00

ISBN: 9788891819185

In occasione della prima partecipazione della Santa Sede alla Biennale Architettura, per la 16. Mostra internazionale di Architettura della Biennale di Venezia(26 maggio – 25 novembre 2018), Electaarchitettura pubblica il catalogo del Padiglione della Santa Sede VATICAN CHAPELS, allestito sull’isola di San Giorgio Maggiore.
Il progetto, curato da Francesco Dal Co, si ispira alla Skogskapellet, la Cappella nel bosco che il celebre architetto Erik Gunnar Asplund costruì a partire dal 1918 nel Cimitero di Stoccolma.
A questo piccolo ma eloquentissimo capolavoro è dedicato uno spazio espositivo in apertura del percorso dove sono esposti il plastico – realizzato per l’occasione – e le riproduzioni dei disegni originali. Il tema di una cappella come luogo di orientamento, incontro, mediazione e saluto – come la definì Gunnar Asplund – è stato proposto a dieci architetti, di diversa provenienza e portatori delle esperienze più differenti, invitati a ideare e costruire altrettante cappelle all’interno dell’area alberata all’estremità dell’isola veneziana di San Giorgio Maggiore.
Come la Skogskapellet di Asplund, anche le cappelle che formano il Padiglione della Santa Sede sono isolate e accolte da un ambiente naturale del tutto astratto, connotato unicamente dal suo emergere dalla laguna e dal suo aprirsi sull’acqua, ulteriore metafora del peregrinare della vita. Vatican Chapels è dunque un Padiglione composito e diffuso, percorribile a tappe in un percorso che è, insieme, una sorta di pellegrinaggio spirituale non solo religioso ma anche laico.
Il catalogo a cura di Francesco Dal Co, con testi di Gianfranco Ravasi, Francesco Dal Co, Marco Mulazzani e Elisabetta Molteni, documenta nel dettaglio l’intero iter di ideazione e realizzazione del Padiglione della Santa Sede. Schizzi inediti, elaborati di progetto, fotografie dei cantieri e delle cappelle concluse, oltre che una campagna fotografica di Alessandra Chemollo e Ginevra Formentini, permettono di ripercorrere le tappe di questo ambizioso progetto.