Davide Carnevali, Variazioni sul modello di Kraepelin (o il campo semantico dei conigli in umido)

2018
Collezione di teatro
pp. 104
€ 11,00
ISBN 9788806236007

Con una lingua scarna ma sapiente, attraverso un ossessivo gioco di ripetizioni e cambi di ruolo, Carnevali riesce a far affiorare la realtà (o una realtà possibile) in un’atmosfera ambigua e minacciosa, come un novello Kafka al corrente delle piú recenti teorie delle scienze cognitive.

Un luogo indefinito dell’Europa dove da poco è terminata una guerra. Tre personaggi: un vecchio la cui memoria è ormai deteriorata, il figlio e una terza figura enigmatica, il cui nome richiama quello del medico Emil Kraepelin, collega del piú noto Alois Alzheimer e studioso dell’omonima malattia. Dai secchi dialoghi fra i tre emergono poco a poco i contorni di una vicenda drammatica. Nei lacunosi ricordi del vecchio torna a piú riprese e in varie forme (anche in quella di ricetta) l’immagine di un coniglio. Verremo a sapere che questa immagine è legata a un episodio tragico del passato del vecchio. Ma sarà vero? O non si tratta invece di un ricordo che la sua mente ha inventato per sostituirne un altro, ancora piú doloroso? La linea che distingue ciò che è stato vissuto, ciò che viene immaginato e ciò che viene detto nelle continue variazioni dei dialoghi è sottilissima.

Davide Carnevali è nato a Milano nel 1981. Premio Hystrio alla drammaturgia nel 2018, è autore residente presso ERT Emilia Romagna Teatri e lavora prevalentemente tra Barcellona e Berlino. Nel 2008 ha scritto Variazioni sul modello di Kraepelin, tradotto in dieci lingue e rappresentato alla Sala Beckett di Barcellona, al Théâtre National Populaire di Lione, nei teatri nazionali di Estonia e Romania e in numerosi altri paesi. Tra i suoi testi teatrali, Sweet Home Europa è stato messo in scena a piú riprese in Germania, oltre che in Argentina, Francia, Portogallo. Con Ritratto di donna araba che guarda il mare ha vinto il premio Riccione nel 2013. In Italia i suoi lavori sono stati prodotti, tra gli altri, da ERT, Teatro di Roma, Teatro Stabile di Torino, Teatro Franco Parenti. Einaudi ha pubblicato Variazioni sul modello di Kraepelin (2018).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *