Eric Sadin, La silicolonizzazione del mondo

L’irresistibile espansione del liberismo digitale

2018
Passaggi Einaudi
pp. 216
€ 17,50
ISBN 9788806237585

Traduzione di Daniele Petruccioli

S come Silicolonizzazione, parola che indica come il modello della Silicon Valley rappresenti la nuova forma del capitalismo globale neoliberista per conquistare, in modo felpato, nuovi spazi.

Culla delle tecnologie digitali (si pensi a Google ed Apple), la Silicon Valley incarna l’insolente successo industriale della nostra epoca. Questa terra, nel dopoguerra centro di sviluppo dell’apparato militare e informatico, è oggi il luogo di una frenesia innovatrice che intende ridefinire ogni aspetto della nostra esistenza per fini privati, dichiarando tuttavia di agire per il bene dell’umanità. Ma la Silicon Valley non rinvia soltanto a un territorio; è oggi soprattutto una mentalità, che sta muovendosi per colonizzare il mondo. Una colonizzazione di un nuovo genere, portata avanti da numerosi missionari (industriali, università, think thank) e da una classe politica che incoraggia l’edificazione di diverse Valley sui cinque continenti, sotto forma di ecosistemi digitali e di incubatori di start-up. Sadin mostra come un capitalismo di tipo nuovo stia agendo per istituire un tecnoliberismo che, attraverso oggetti connessi e l’intelligenza artificiale, intende ottenere profitti dai piú semplici dei nostri gesti, inaugurando l’era dell’«industria della vita».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *